martedì 5 luglio 2011

Diy/Dipingere e decorare vecchie cassette da frutta/Nevermore


Eccomi di nuovo qui! É passato più di un mese, praticamente due, ovviamente mi ero ripromessa di non fare passare così tanto tempo tra un post e l'altro, ma ormai mi sono rassegnata. Ho avuto problemi con il broswer, con la ventola del portatile, con le finestre di casa. Infatti mi sto dedicando al restauro/riverniciatura delle imposte (gli scuri, quelli fuori come li chiamate?).



Qui sopra, bastano tre coppie di imposte per riempirmi il porticato. Essendo vecchi come la casa (quindi su per giù 80 anni) ogni tanto han bisogno di essere ripresi. Molto. Moltissimo. Strati su strati di vernice han formato con gli anni delle bolle e gli ultimi interventi alla "nascondere la polvere sotto il tappeto" avevano peggiorato la situazione. Così mi son ritrovata a riportare a legno le suddette imposte. Ne ho sistemate sei finora. Me ne restano tre, più due porta-finestra. Auguratemi buona fortuna.


Tutti quelli che passano di qui ritengono che quasi conviene bruciarle e farle nuove. In realtà la situazione non è così tragica, è solo lunga, soprattutto perchè non ho gli spazi e l'attrezzatura di un falegname. E farle nuove non è così economico.

Tra una fase e l'altra del lavoro, mi trovo ogni tanto con dei tempi di attesa, di solito l'essicazione di colla/stucco/impregnante/vernice.  
All'inizio di maggio, ad un'esposizione floreale, mamma Nina era rimasta entusiasta dalla vista di alcune cassette da frutta dipinte e decorate.
 
Dopo aver pescato dal mucchio tre cassette tutte diverse, le ho pulite e lavate e lasciate asciugare. Le varie fasi sono le stesse del restauro delle finestre: ho passato l'impregnante neutro, che nutre il legno (e và solo ed esclusivamente sul legno nudo) specialmente il legno che con gli anni e l'esposizione alle intemperie si è seccato.
La cementite di fondo è la stessa che uso per le finestre, il mio colorificio di fiducia me lo ha tinto già del verde più vicino al colore dello smalto scelto, ottima cosa perchè così non traspare e nel caso di piccole crepe nella vernice non vengono messe in risalto. 
Infine due mani di smalto "verde primavera", bello lucido. Personalmente non vado matta per gli smalti opachi o satinati anche se quelli lucidi mettono in evidenza ogni minimo difetto.
Finita questa fase le cassette potrebbero già essere a posto così, ma in questo caso volevo esagerare, oltre che sperimentare. Finchè lo si può fare su piccole cose è meglio "osare".
Ho raccimolato altri avanzi di vernice, unendo un po' di verde a un avanzo di color panna, ottenendo un bel verde pastello. Ho sporcato tutta la superficie della cassetta, dentro e fuori, specialmente negli spigoli, un po' alla volta. Per finire, ho pensato di riprovare ad utilizzare gli stessi stencil che ho utilizzato per il tavolo in terrazza. Con un pennello con le setole strette da un elastico (non ho uno di quei pennelli da stencil) ho ottenuto un ottimo risultato, perfetto per questo effetto un "usato". Lo stencil è stato dipinto con lo stesso colore della sporcatura, quindi il disegno in alcuni punti non si vede affatto, e la cosa mi piace molto.
 
A questo punto le cassette sono decisamente finite. Qui sotto alcune visioni d'insieme e alcuni particolari. Potete inoltre notare come anche i ragni le apprezzino.

Qui sopra le cassette sono nella loro destinazione più o meno finale. Il tono su tono delle piante verdi è gradevole, ma preferisco il contrasto che danno le petunie (qui un po' assetate). Potrei suggerire qualche cambiamento floreale.
Adoro recuperare gli avanzi, utilizzare quei fondi di vernice che si accumulano e non riesci mai a smaltire e in questi tempi ho fatto qualche altro esperimento che presto prima o poi posterò (scaramanzia).
A prestissimo!
Questo è tutto gente!

6 commenti:

  1. Ciao Antonella e bentornata! Caspita che lavorone quello delle ante!! Da noi lo fa mio marito..noi abbiamo le persiane e, se non si dà sistematicamente l'impregnante e poi la cera, con il sole e le intemperie diventano brutte e si rompono!
    Bellissime anche le cassette, super-complimenti!

    RispondiElimina
  2. la manutenzione è necessaria per le ante di legno...ma che lavoro!!!!!!
    che dire delle cassette???? sono davvero un amore!!!! ottima idea!
    :)

    RispondiElimina
  3. Molto belle le cassette!!grazie per la spiegazione come porta vasi sono molto belle!!ma con la terra e l'acqua non si rovinano?voglio provare anche io!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cia Laura! No non si rovinano perchè le cassette vengono toccate solo dai vasi con sottovaso; la vernice a smalto le rende comunque impermeabili e lavabili, nel caso si sporchino. Ovvio che non è un rivestimento eterno, ma se ben fatto e ben tenuto dura quasi in eterno ^_-
      Grazie per essere passata di qui!

      Elimina
  4. Ciao Antonella, hai delle idee molto belle per il recupero. Grazie per condividerle! Adesso mi leggo con calma il tuo blog...;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Helga! Grazie mille per la visita, così ho scoperto il tuo blog!
      Buona lettura allora ma ti avverto: sono un tantinello logorroica!
      Un abbraccio

      Elimina

Il vostro tempo è prezioso e io vi ringrazio di cuore per quello che mi date leggendomi e scrivendomi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Visualizzazioni totali